Articoli, Casi clinici e Video

Pubblicazioni Gnatologia

Approccio intradisciplinare gnatologico

La nostra esperienza in un team di specialisti dove gnatologo, chirurgo maxillo-facciale, fisioterapista, kinesiologo e posturologo collaborano insieme, ci ha portato negli anni a vagliare le diverse opportunità di cura dei disordini temporo-mandibolari a Napoli denominati DTM.

  • by Dr. Pietro Leone
  • 6 febbraio 2017

Durante l’ultimo decennio, infatti, numerose modalità di trattamento dei DTM sono state proposte in letteratura scientifica*1, proviamo pertanto a riassumere a grandi linee le possibilità di gestione e cura dei disordini Temporo-Mandibolari oggi a Napoli dividendole a seconda della tipologia di approccio in 5 grandi categorie*2  : 

  • La terapia comportamentale; - - -
  • Il trattamento fisioterapico; - -
  • Le apparecchiature occlusali; + -
  • Il trattamento farmacologico; + +
  • La chirurgia dell’articolazione Temporo-mandibolare. + + +

legenda: ( - conservativo; + invasivo )

In medicina generalmente il trattamento di una patologia con una eziologia multifattoriale prevede innanzitutto una terapia sintomatica cioè l’intervento immediato sui sintomi dolorosi.

Anche i disordini temporo-mandibolari hanno una eziologia multifattoriale, pertanto la terapia che suggeriamo è Patient-Centred, ovvero Individualizzata*3 e sintomatica.

La gestione dei disordini temporomandibolari a Napoli presso il nostro studio è da sempre supportata dalla conoscenza degli studi scientifici, da un’adeguata esperienza clinica e da un’alta considerazione del paziente disfunzionale.

Autorevoli ricercatori hanno recentemente suggerito che è fortemente raccomandato, eccetto specifiche e giustificabili indicazioni, che il trattamento del paziente con disordine temporo-mandibolare sia basato inizialmente solo su modalità terapeutiche conservative e reversibili*4. Infatti, lo gnatologo ed il fisioterapista craniomandibolare presso il nostro studio a Napoli sono impegnati nella gestione di 8 pazienti su 10 che soffrono di DTM.

L’approccio terapeutico iniziale è dunque poco invasivo, prudente, cauto in altre parole non avventato e reversibile in qualsiasi momento teniamo infatti in alta considerazione l’andamento ciclico e remittente della patologia stessa.

Quanto detto è il presupposto ed il razionale per cui suggeriamo ai pazienti di Napoli di scegliere la Fisioterapia specialistica cranio-cervico-mandibolare come terapia d’elezione.

Infatti, la terapia comportamentale annessa alla fisioterapia presso lo studio di Napoli è decisiva nel controllo dell’attività parafunzionale, bruxismo e serramento, e del fattore psico-sociale che aggravano l’origine e lo sviluppo del dolore muscolo-scheletrico*5. Nella nostra pratica clinica quotidiana per l’appunto abbiamo riscontrato notevoli miglioramenti soprattutto nei pazienti che soffrono di bruxismo a Napoli.

La Fisioterapia cranio mandibolare ci ha permesso di gestire efficinetemente anchi pazienti più distanti della provincia di Napoli affetti da disordini muscolari e articolari*6 ovvero da disordini temporo-mandibolari miogeni e atrogeni:

Abbiamo curato i seguenti disordini miogeni: il dolore miofasciale e il dolore miofasciale con limitata apertura della bocca; nonchè i seguenti disordini atrogeni : il dislocamento del disco articolare, osteo-artrosi, atrite ed artralgia.

Generalmente il trattamento del dolore miofasciale in team a Napoli si basa su tre step:

  1. Autocontrollo (Counseling e modifiche delle abitudini di vita scorrette)*7
  2. Masso-terapia decontratturante e stretching muscolare*8
  3. Esercizi di contrazione isometrica

Gli obiettivi del protocollo fisioterapico cranio-cervico-mandibolare sviluppati presso lo studio di Napoli contrastano l’ipomobilità, la riduzione della forza masticatoria, il dolore e lo squilibrio nella dinamica muscolare.

La fisoterpia mandibolare a Napoli è risultata indispensabile per il ripristino ottimale della funzionalità del sistema di forze dei muscoli e dei tessuti molli del distretto testa-collo. Gli obbiettivi da raggiungere sono la riduzione rapida del dolore e del tono dei muscoli masticatori; l’allungamento dei muscoli abbassatori della mandibola con uno stiramento progressivo; l’aumento della mobilità dell’articolazione della bocca con mobilizzazione ed efficace coordinazione tra muscoli e articolazioni.

  • *1 Okeson 2008 Mosby Elsevier
  • *2 List and Axelsson, JOR 2010
  • *3 Advances in Pain and Research, Vol 21 1995
  • *4 Greene CS. Ajodo, 2010
  • *5 Michelotti et al.,  JOR 2005
  • *6 Dworkin S.F., Le Rsche L.: RDC/TMD, 1992 ver 1.0
  • *7 Michelotti et al.,  JOR 2010
  • *8 Feine and Lund, pain 1997

 


Pubblicazioni Peer Reviewed

Pubblicazioni su riviste

Studio Dentistico Dr. Pietro Leone
Viale Antonio Gramsci, 18, 80122 Napoli - P.IVA 05871731211 - C.F. LNEPTR82S29F839U
declino responsabilità | privacy - studiodentisticoleone@gmail.com

Iscrizione all'Albo Provinciale degli Odontoiatri di Napoli (Ordine della Provincia di Napoli) n. 2910


Tutte le informazioni pubblicate nel presente sito web sono diramate nel pieno rispetto delle linee guida del Codice di Deontologia Medica sulla "Pubblicità dell'informazione sanitaria" del 06/04/2007.
AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non devono essere intese come sostitutive del parere clinico del medico, pertanto non vanno utilizzate
come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via e-mail vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento.
La visita medica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

dentisti-italia.it

© 2015. «powered by Dentisti Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.